lunedì 10 aprile 2017

IL RUSSO IN AZIENDA











                              Nuovo corso di russo commerciale di livello B1

                                         docente Elisa Cadorin Koman    


 Il corso  che ha come testo di riferimento Il russo per l'azienda, Hoepli 2014, di E.Cadorin e  I.Kukushkina, è rivolto principalmente a chi, avendo una preparazione linguistica di livello B1,
 intende apprendere il linguaggio specialistico del commercio  nelle sue tematiche e fasi principali : dall'inizio dei rapporti con i partner russofoni  alla sequenza delle operazioni e dei documenti per stipulare e dare esecuzione ad un contratto.

  Esso prevede 5 incontri di 3 ore da tenersi una mattina  alla settimana (  in giorno prefestivo o festivo, dalle ore 9,30 alle 12,30)  a partire dal mese di Maggio 2017.

Per informazioni : italiarussie@gmail.com           328 32 72 239

lunedì 27 marzo 2017

La rinascita dell'antica Rus'



Foto del concerto del 24.03.2017 - Ex-convento S. Francesco                                               Pordenone

                             

    

 da     "La Russia che se ne va"

....................................................
Io non  so no un uomo nuovo!
E perché dovrei nasconderlo?
Con un piede sono rimasto nel passato,
E cercando di raggiungere la schiera d'acciaio
Scivolo, e vado a terra con l'altro
.........................................................
                                                   Sergej Esenin






venerdì 17 marzo 2017

LA RINASCITA DELL'ANTICA RUSSIA ESENIN-SVIRIDOV


                                            CONCERTO PER  VOCE E PIANOFORTE



                          venerdì, 24 Marzo, ore 18:30, ex-convento San Francesco, Pordenone


                     voce: Sara Bardino, mezzosoprano                  al piano: Natalia Kukleva



                                         
                                                         Mia terra d'oro
                                                         Luminoso tempio d'autunno
                                                         Uno stormo stridulo d'oche
                                                         Vola verso le nuvole
                                                            .............................................
                                                         E davanti a loro un cigno
                                                         Negli occhi, come rugiada, la tristezza
                                                          ...................................................
                                                         Sei tu che piangi in cielo   
                                                         Mentre ti allontani, o Rus? 

"Il mio poeta preferito era sempre stato Blok, poi una volta un amico poeta mi lesse Esenin a lungo.
La poesia di Esenin si depositava profondamente nella mia anima. Una volta tornato a casa, non riuscii a prender sonno, continuavo a ripetermi un verso: "sono l'ultimo poeta della campagna". Improvvisamente nacque la musica. Mi sedetti al pianoforte senza alzarmi per quindici ore. Così apparve il primo canto su testo di Esenin; esso divenne in seguito il movimento chiave del mio Poema Il resto fu composto di getto, in due settimane.

Con queste parole Sviridov ricorda il suo incontro con la poesia di Esenin e la nascita del ciclo "La Russia che se ne va" del 1977. Il suo poema può esser letto come un "mistero"alla cui radice sta il mito eterno della Russia che cerca la sua coscienza, della Rus' perduta, parabola dell'antico mondo contadino scomparso per sempre nel vortice della Rivoluzione: la Russia che se ne va" è la mitica città di Kitezh o la Gerusalemme celeste, le città che sono traghettate in un'altra dimensione e di cui si attende la seconda venuta.


sabato 4 marzo 2017

Sergej Esenin, la poesia , la vita



                                 Sergej Esenin (1895-1925)

                                               la poesia      la vita

                                                  Venerdì, 10 Marzo, ore 18, 
                                 Associazione Italia- Russie, Via Selvatico 21, Pordenone   



                                            Esenin Moscow 1922.jpg


                                              Noi adesso ce ne andiamo a poco a poco
                                               Verso quel paese dov'è gioia e quiete
                                              Forse ben presto dovrò anch'io raccogliere
                                               Le mie spoglie mortali per il viaggio
                                              ................................................................
                                              ...............................................................    
                                              Ho amato troppo su questa terra
                                            Tutto ciò che riveste l'anima di carne.
                                            Pace alle betulle che, allargando i rami,  
                                           Si son specchiate nell'acqua rosea.   
                                            ....................................................................
                                             ...................................................................
                                             Felice di aver baciato le donne,
                                             Pestato i fiori, ruzzolato nell'erba
                                             Di non aver mai battuto sul capo                                                
                                            Gli animali, nostri fratelli minori
                                             ....... ........................................................
                                            .................................................................       .  
                                           So che in quel paese non  saranno
                                          Queste campagne biondeggianti nella nebbia.
                                          Anche perciò mi sono cari gli uomini
                                          Che vivono con me su questa terra.

                             Presentazione  del poeta e della sua opera a cura dell'Associazione,
                            in preparazione   al concerto che avrà luogo venerdì 24 Marzo, ore 18
                            all'ex convento di San Francesco,  intitolato al poema eseniniano 
                           "La Russia che se ne va",  musicato da Georgij Sviridov. Protagoniste
                           del concerto Sara  Bardino, mezzosoprano e Natalia Kukleva , pianista.   



lunedì 20 febbraio 2017



                        Concerto di canzoni e romanze russe

                                                per voce e pianoforte

                         
                                          voce                                           pianoforte
                                   Jana Sugako                          Svetlana Cajkovskaja

                              Visualizzazione di 2017-02-06 13.32.18.jpg         

                                   Venerdì, 24 Febbraio 2017, ore 18

                              sede associazione, Via Selvatico 21, Pordenone




                 

lunedì 12 dicembre 2016



FESTINO IN TEMPO DI PESTE

Terzo appuntamento martedì 13 (ore 16,30 Biblioteca Civica Pordenone) con l'opera di Aleksandr Puskhin, e la sua trasposizione musicale. La piccola tragedia di cui ci parlerà Anna Giust  è il "Festino in tempo di peste musicato da  César Cui ( 1835-1918); della sua realizzazione operistica verranno proiettati alcuni momenti. 
Il poeta trasse il soggetto da "la città della peste" dell'inglese John Wilson che Puskhin tradusse in russo aggiungendovi però delle canzoni considerate tra le sue cose più belle.Secondo lo storico della letteratura Dmitrij Mirskij , una di queste, l 'Inno in onore della peste "è una delle cose più terribili e stregonescamente suggestive che il poeta abbia mai scritto".
Questa scena drammatica nella quale il poeta esemplifica il peccato di blasfemia, di oltraggio di quanto vi è più di sacro nella vita e negli affetti, mostra un gruppo di amici durante un banchetto in una città in cui infuria la peste.In un accesso di arroganza e sfida a tali sentimenti un giovane innalza un inno alla morte nera.



Risultati immagini per pir vo vremya chumi


domenica 11 dicembre 2016

Nuovi corsi di russo a partire da Gennaio 2017

                                                  NUOVO CORSO PRINCIPIANTI
                                                                  da  gennaio

        L'inizio del corso è previsto per giovedì, 12 gennaio. L'orario sarà                           concordato con i partecipanti.  Per informazioni: 328 32 72 239   

                                          italiarussie@gmail.com




                                 IL RUSSO PER LA PROFESSIONE 

                                    in micro-corsi di 6 ore ciascuno 

   

            
Aleksandr Deineka (1899-1969)

                      Sabato, 14 Gennaio:           La presentazione aziendale                                                seguirà, in data da destinarsi       Parlare al telefono



                                Per informazioni: 328 32 72 239   

                                          italiarussie@gmail.com

                                 

   

 

venerdì 25 novembre 2016

IL CONVITATO DI PIETRA



                     Martedì, 29 Novembre 2016, ore 16,30 - Biblioteca Civica Pordenone

                               
 Con il Convitato di pietra ha inizio il ciclo di quattro incontri sulle Piccole Tragedie  di   A. Puškin  tenuti dalla slavista e musicologa Anna Giust.
Quest'opera  segna, secondo il giudizio del grande storico della letteratura russa Dmitrij Mirskij, il punto più alto dell'espressione artistica  di Puškin per "l'infinita suggestività psicologica e poetica del verso spietatamente disadorno"
Essa narra la storia dell'ultima avventura amorosa di Don Giovanni (con la vedova dell'uomo che egli ha ucciso) e della sua tragica conclusione. "E' il più alto risultato raggiunto dal poeta sul tema della Nemesi, il suo tema più grandioso".

Anna Giust ci parlerà dI Puškin,  di questa tragedia,  della sua trasposizione in musica da parte del compositore Sergej Dargomyškij e ci mostrerà  un video con i momenti più salienti dell'opera.
                   
                                       
                
               

domenica 9 ottobre 2016

Русский язык для детей русскоговорящих родителей


                           


                      Уважаемые русскоговорящие родители!

Если вы заинтересованы в том, чтобы ваши дети: 
-хорошо владели разговорным русским языком,
-свободно читали и грамотно писали по-русски,
 -приобщались к традициям богатейшей русской культуры,
  -находили новых русскоязычных друзей,
  -обучались у квалифицированного русского преподавателя
   с многолетним стажем педагогической деятельности и
  имеющего диплом МГУ по преподаванию РКИ ( русского
  языка как иностранного)

то русско-итальянская культурная ассоциация "Italia-Russie",
 г. Порденоне, приглашает Вас на информационное родительское 
собрание, которое состоится в среду 12 октября в 21.00 в здании
 самой ассоциации по адресу: Via Selvatico 21, PN.


                                     ПОВЕСТКА ДНЯ
     
-ФОРМИРОВАНИЕ ГРУПП В ЗАВИСИМОСТИ ОТ ВОЗРАСТА И УРОВНЯ    ВЛАДЕНИЯ ЯЗЫКА   БУДУЩИХ УЧЕНИКОВ,
- ОПРЕДЕЛЕНИЕ РАСПИСАНИЯ И ДНЯ НАЧАЛА ЗАНЯТИЙ , 
 - ОБСУЖДЕНИЕ  ПОЖЕЛАНИЙ  И ПРЕДЛОЖЕНИЙ СО СТОРОНЫ РОДИТЕЛЕЙ













mercoledì 31 agosto 2016

NUOVI CORSI DI RUSSO (E CINESE)


                  OTTOBRE 2016: NUOVI ( E VECCHI) CORSI DI RUSSO


         
Картинки по запросу
                 
  Ancora un due   (1952)                                               Fedor P. Reshetnikov (1906-88)



- corsi di russo a più livelli a partire da quello  principianti
- corso di conversazione per chi non vuole dimenticare la lingua appresa
- corsi di preparazione all'esame di certificazione ( primi livelli TRKI_TORFL)
- breve corso per genitori adottivi; per chi frequenta la Russia per lavoro; per turisti

Micromoduli di lingua per le professioni tenuti dalla prof. Elisa Cadorin: a partire da 

                                             Settembre

- transazione commerciale
-presentazione aziendale
-parlare al telefono ( argomenti, tecnici, commerciali)
-il linguaggio tecnico ( libretto di istruzioni)
-il linguaggio giuridico
 la lavorazione dei metalli
- come redigere un curriculum
- la traduzione in russo di un sito web
- minicorso sul mobile
-minicorso di preparazione all'interpretariato di trattativa
- minicorso sull'industria ecologica
- il linguaggio della moda

L'Associazione offre inoltre
-consulenza ed aiuto nel reperimento di testi e documentazione per tesi di laurea
- traduzione di documenti letterari , tecnici, commerciali, scientifici dalle lingue russa e ceca e  dall'italiano in russo.
-informazioni utili sul paese Russia come muoversi, cosa visitare, dove fare acquisti ecc.

Per informazioni: italiarussie@gmail.com       tel 239 32, 72 239

lunedì 20 giugno 2016

Nuovo minimodulo sulla MODA

 

I marchi della moda italiana sono sempre molto apprezzati e richiesti in Russia. Le lavorazioni, i materiali, i colori dei capi di abbigliamento e delle borse cambiano di stagione in stagione. L'interprete-traduttore deve avere nozioni di base sull'argomento (tipi di cuciture e finiture, descrizione dei particolari, caratteristiche tecniche, vestibilità ecc.) e organizzare il lessico in modo da tenersi aggiornato. Schede lessicali. Traduzione orale verso l'italiano e scritta verso il russo. Glossario.

Il minicorso potrà svolgersi durante il mese di Luglio, di sabato o domenica,se si formerà un gruppo minimo (3 persone) di partecipanti.
Per informazioni  italiarussie@gmail.com      328 32 72 239



Addio a Pietro Sormani, inviato del Corriere a Mosca negli anni '70




 Stavamo progettando un nuovo viaggio in Russia e Pietro aveva proposto Mosca, anche se era una  meta più volte percorsa, e a me che insistevo per andare ad esplorare spazi russi ancora    sconosciuti, replicava che desiderava ritrovare le emozioni che gli avevano dato certe vie, certi  luoghi della capitale.
 Ci aveva trascorso 5 anni come inviato del Corriere della Sera, in un periodo storico non sospetto,    cioè di  esplicita guerra fredda, vale a dire la fine degli anni '60 e l'inizio dei '70, durante il regime  brezneviano. Allora le sue corrispondenze dall'Urss erano lette con molto interesse, tanto poco  poteva altrimenti  trapelare  oltre la cortina di ferro.
 Per quanto fosse stato, prima di questo incarico, e destinato poi, in  altre prestigiose sedi quali,  Londra Bruxelles Hong-Kong e Bonn, era sentimentalmente legato alla Russia dove era stato spesso  negli ultimi anni. Cercava in essa quel sentimento religioso, unico nella sua umiltà e universalità che  permea le pagine dei libri dei grandi scrittori e si respira nelle  chiese russe, durante le funzioni del  tardo pomeriggio dove i fedeli, esaurite le brighe quotidiane, entrano per riprendere il  dialogo con  Dio e ritrovare se stessi.
 La morte l'ha colto così di sorpresa che forse non se ne è neanche accorto e (così ce lo immaginiamo) continua a progettare itinerari che lo riconducano a Mosca.

La fotografia, di inizio settembre 2015, lo ritrae a Suzdal' in attesa dell'autobus per Vladimir.